Friggione rivisitato.

friggione.jpg

Ieri ho cucinato il “friggione” in versione leggermente diversa, il bello di questa ricetta è che può essere personalizzata in base a quello che si ha in casa, l’importante è che ci siano i peperoni! In questa occasione ho sostituito le patate e le melanzate con zucchine e carote ed un peperoncino verde fresco..che mi ha dato letteralmente fuoco alla bocca…ma era comunque squisito! 😉

Questo tipico piatto bolognese è ottimo sia caldo che freddo, da accompagnare con formaggi freschi o carni bollite.

Ingredienti per 6 persone:

  • una cipolla grossa,
  • 2 melanzane (oppure se preferite: 2 zucchine),
  • 2 peperoni,
  • 2 pomodori maturi,
  • una patata,
  • olio d’oliva,
  • sale q.b.

Preparazione:

Affettate finemente la cipolla, mettetela in una padella con dell’olio d’oliva. Aggiungete i pomodori, le melanzane, le patate tagliati grossolanamente e i peperoni tagliati a spicchi.

Versate un bicchiere d’acqua sulle verdure, salate e coprite con un coperchio.

Cucinate fino a completa cottura di tutte le verdure, (ma non troppo da disfarle) ed il sugo abbastanza rappreso.

2 Responses to “Friggione rivisitato.”

  1. Daniel says:

    Anchio credevo che questo fosse il “friggione” perchè qui a Rimini così mia nonna chiamava questa soffrittura di cipolle, peperoni, melanzane, zucchini e pomodoro. Ma ho poi scoperto che la ricetta del vero “friggione” è depositata alla camera di commercio e prevede solo 4 cose: cipolle, pomodoro, olio e strutto. Infatti il vero friggione sarebbe anche chiamato da molti “cipollata”

    Questa è la ricetta originale:

    “4 kg di cipolle bianche, 300 g di pomodori pelati freschi, 1 cucchiaino di
    zucchero, 1 cucchiaino di sale grosso e 2 cucchiai di strutto.
    Affettare molto finemente la cipolla e lasciarla almeno due ore a macerare
    con il sale e con lo zucchero. In un tegame rigorosamente di alluminio
    versare la cipolla con l’acqua che avrà fatto, lo strutto ed a fuoco
    lentissimo cuocere girando con un mestolo di legno fino a che avrà un color
    nocciola, facendo così che non si attacchi mai. Ci vorranno due ore circa.
    Aggiungere alla cipolla i pomodori tagliati a pezzettini e continuare a
    girare ancora per un’ora e mezzo per terminare la cottura. Quando lo strutto farà delle bollicine rosate e la cipolla con il pomodoro sarà una crema, il friggione sarà pronto.”

    Detto questo io preferisco la versione multiortaggi e la tua ricetta 🙂

  2. mostrilla says:

    Ciao Daniel,
    Grazie per questa precisazione, ne avevo sentito parlare ma non avevo capito quale fosse la ricetta originale depositata alla camera di commercio.
    Sembra un pò pesantina, però deve essere buonissima con tutta quella cipolla! 🙂
    Comunque sia, sto friggione varia sempre a seconda di chi lo cucina ed in ogni città ha un nome diverso..
    A Ravenna, ad esempio lo chiamano anche “Frik en dò” anche se non credo che si scriva così, la pronuncia è circa questa….è un nome che mi ha sempre divertito! 😉

Leave a Reply